Titolo: Anonyma

Autore: Carmen Weiz

Serie: Swiss Legends #5

Genere: Thriller Poliziesco

Anno di pubblicazione: 2022

Pagine: 415

TRAMA

Mai tirarsi indietro, mai temere e, soprattutto, mai dimenticare…

L’agente delle forze speciali svizzere Sophie Nowack sta vivendo uno dei periodi peggiori della sua vita. Dopo i problemi affrontati durante la sua ultima missione, viene retrocessa di rango e costretta a prestare servizio come semplice poliziotta. Quando il capitano Gerber, suo superiore, le offre la possibilità di tornare a lavorare sul campo, Sophie non ci pensa due volte. Tuttavia, non avrebbe mai creduto che le cose potessero complicarsi in quel modo, specialmente quando Sarah, la sua più grande amica, si rivolge a lei per trovare alcune ragazze musulmane che sembrerebbero essere scomparse.

Mentre Sophie porta avanti l’indagine ufficiale al fianco dell’agente Sven Engel, della polizia di Zurigo, continua anche a indagare sulle ragazze sparite nel nulla, aiutata dalla sua amica. Molto presto, l’indagine vedrà coinvolto anche l’agente Kieran Heizmann, trasformandosi in quella che, a tutti gli effetti, sembra essere una tratta illegale di donne. Lavorando insieme, i due agenti verranno risucchiati nel baratro più oscuro dell’anima, dimostrando che l’umanità può macchiarsi di cattiverie senza limiti e, come una vera squadra, dovranno fronteggiare il male, che sembra superare ogni logica. Quanto più Sophie si avvicina al cosiddetto “mondo delle persone normali” grazie alla terapia, più si rende conto che la fiducia sarà fondamentale per l’esito positivo della missione e che i sentimenti possono diventare, in pochissimo tempo, i suoi peggiori nemici. Carmen Weiz torna con l’ultimo libro della serie Swiss Legends. Una storia capace di mostrare il lato oscuro dell’anima e di tenere incollato alle pagine il lettore, immergendolo nelle atmosfere tanto affascinanti, quanto tenebrose e sorprendendolo con un finale da togliere il fiato. Un Thriller psicologico con un forte tocco di Romance che non lascia via di scampo al lettore. Riuscirà il Camaleonte a concludere entrambe le indagini o questa pericolosa missione determinerà la fine della sua carriera come agente speciale, nonché della sua stessa vita? Questo libro può essere letto singolarmente, ma per entrare meglio nella storia dell’agente speciale Sophie Nowack si consiglia di leggere anche i precedenti volumi della serie, intitolati: “La bellezza del male”, “La voce dell’innocenza” e “Adrenalina”.

Se desideri anche conoscere la storia dell’agente dell’Agenzia Kieran Heizmann, allora non perdere il primo libro della serie intitolato ”Unique.”

RECENSIONE

Carmen Weiz torna con l’ultimo libro della serie Swiss Legends, Anonyma, una storia che mostra il lato oscuro dell’anima. Un thriller poliziesco con un forte tocco di romance. Ritroviamo il personaggio di Sophie Nowack, agente delle forze speciali svizzere. All’inizio di questo libro la ritroviamo retrocessa di rango e costretta a prestare servizio come semplice poliziotta. Quando il capitano Gerber le offre la possibilità di tornare a lavorare sul campo, Sophie non ci pensa due volte. Ma accanto a questa indagine ufficiale, Sophie si occuperà di ritrovare alcune ragazze musulmane che sembrerebbero essere scomparse. Quest’ultima indagine si rivelerà più complessa del previsto. Infatti, verrà coinvolto anche l’agente. Kieran Heizmann. I due agenti lavoreranno insieme, andando a fronteggiare il male assoluto e scoprire il lato più oscuro dell’animo umano.

In quest’ultimo libro prevale la parte più romantica e psicologica dei personaggi. Protagonista di questo libro non è solo Sophie, ma ricompare il personaggio di Kieran , protagonista indiscusso del primo libro della serie Unique, un uomo molto affascinante. In questo quinto libro, troviamo i due protagonisti fianco a fianco, due anime affini che si erano finalmente incontrati.

“Forse ci eravamo incontrati, perché eravamo pezzi vaganti di puzzle diversi, stanchi di non incastrarsi mai”

L’attrazione tra loro è veramente forte, che trasuda dalle pagine del libro in maniera prepotente e dirompente. La narrazione a pov alternati non fa che rendere ancora più intense queste emozioni, facendo aumentare nel lettore l’emozione per il loro amore.

Credo di non poter descrivere in toto l’intensità delle emozioni che ho provato, leggendo questo libro. Emozioni contrastanti, uniche, che nascono dal profondo del cuore.

Ho seguito il personaggio di Sophie Nowack sin dall’inizio. Ho seguito il suo dolore, la sua confusione, il suo perdersi e la sua voglia di ritrovarsi. Con fatica è arrivata al punto in cui è oggi. Alla fine di questo libro, una protagonista che ha paura, si riscopre fragile e innamorata. Il suo sacrificarsi ancora più valore perché non è solo un dovere lavorativo, ma è un gesto fatto con il cuore e per la persona amata.

Un personaggio, come già detto più volte, complesso ed enigmatico, contraddittorio, forte ma allo stesso tempo fragile, determinato ma anche vulnerabile. Sophie è l’esempio di come, nella vita, possiamo dover affrontare eventi tragici, sofferenze, assenze e forti sensi di colpa, ma, anche se tocchiamo il fondo, possiamo trovare sempre la forza di rialzarci, perché la vita vale la pena di essere vissuta, riscoprendo il desiderio di innamorarsi ancora, di costruire la propria felicità.

“Se la vita mi aveva insegnato una lezione, che spiccava tra tutte le altre, era quella di guardare avanti, non indietro”.

Una lezione che Carmen Weiz ricorda anche a noi in direttamente. Con il suo stile di scrittura semplice, diretto, intenso e profondo, Carmen Weiz fa un lavoro straordinario, delineando un personaggio e una storia complessi e che riescono a catturare l’attenzione del lettore. Avrei voluto avere la testardaggine di Sophie, la sua schiettezza e determinazione, il suo coraggio.

E questa che è iniziata come una recensione del romanzo, l’ultimo della serie, diventa, invece, un ringraziamento a un personaggio che mi ha insegnato tanto e che mi è entrato nel cuore.

Grazie Sophie, perché mi hai insegnato ad essere orgogliosa delle mie cicatrici, quelle ferite dell’anima che sono difficili da rimarginare, che ricordano che è stata dura, ma che ci rendono unici, ci rendono ciò che siamo oggi.

“Gran parte della tua bellezza viene dai tuoi pezzi rotti. Attraverso le fessure, tu brilli”.

Grazie Sophie, perché hai creduto ancora nell’amore, e mi hai ricordato che non possiamo farcela da soli, ma abbiamo bisogno degli altri e che non è mai troppo tardi per innamorarsi.

“Questo è il bello dell’amore! C’è sempre spazio per riscoprirlo e viverlo”.

Grazie Sophie, perché mi hai insegnato la caparbietà, la perseveranza, il fare di tutto per raggiungere un obiettivo ed essere pronti a rischiare la vita per un bene superiore.

E grazie a Carmen Weiz perché ci ha regalato questa bellissima storia, in cui la complessità della mente umana è la suprema protagonista. Carmen Weiz riesce a scavare nei pensieri più intimi, facendo emergere paure, fragilità, dolori e insicurezze.

Un finale, poi, che non mi aspettavo. Carmen Weiz ha già annunciato che nell’inverno del 2023 uscirà uno spin off della serie “Ricordami di me”, un contemporary romance, un libro dedicato interamente a Sophie e Kieran, due personaggi che hanno ancora molto da raccontare e insegnare.

Non vedo l’ora di scoprire questa nuova avventura e ringrazio l’autrice e la Quest Edizioni per la copia digitale del libro.

Buona lettura!

Voto:

4.5/5

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.